Blazar al sapore infrarosso

ASI-logo

Potrebbe sembrare paradossale, eppure i più luminosi oggetti del cosmo, responsabili delle sorgenti più potenti mai registrate, sono invisibili a occhio nudo.
 
Com’è possibile? Semplicemente, perché questi misteriosi corpi celesti non scatenano la loro brillantezza estrema nello spettro della luce visibile – quella che il nostro occhio può percepire – bensì in quello dei raggi gamma.
 

Italiano

from ASI Agenzia Spaziale Italiana ift.tt/2bijMAF

Leave a Reply

Your email address will not be published.

The CAPTCHA cannot be displayed. This may be a configuration or server problem. You may not be able to continue. Please visit our status page for more information or to contact us.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.