CHI VI FILTRA LA RETE SOTTO AL NASO? Web e manipolazione delle masse.

Valerio Lo Monaco - Chi Vi Filtra la Rete da sotto al naso - Play

di Valerio Lo Monaco

Una delle più grandi promesse di internet, relativamente alle possibilità di espressione e alla capacità di poter raggiungere potenzialmente milioni di persone — oggi possiamo dirlo — è stata tradita. Il tradimento è duplice, perché intanto non è affatto vero che chiunque pubblichi un contenuto qualsiasi (che si tratti di informazione, di intrattenimento oppure di un semplice messaggio), sia in grado di accedere alle grandi platee tanto quanto lo sono altri. E poi perché alcuni contenuti sono “più contenuti” di altri. C’è infatti qualcuno che questi contenuti li filtra e che può farlo grazie alla sua posizione dominante, in forza della quale può arrogarsi il diritto di decidere quali siano i messaggi degni di essere diffusi e quali invece vadano ignorati, se non proprio rimossi dal web Questo ruolo, una volta, spettava agli editori, dai quali ogni autore doveva passare per pubblicare qualunque cosa, perché i macchinari e le strutture necessarie a pubblicare, su qualsiasi formato, erano molto costosi, ed erano dunque esclusivo appannaggio di chi aveva ingenti disponibilità economiche. Il tema è pertanto quello della disintermediazione, e in particolare della disintermediazione del web, che avrebbe consentito a chiunque, — questa la promessa — di disporre di tecnologie utili a produrre e diffondere da sé qualunque cosa avesse deciso di pubblicare.

Grande rivoluzione, dunque. Basta colli di bottiglia! Basta lobby dell’editoria! Basta lobby dell’industria discografica! Nessuno da convincere per dare fiato alla propria voce! Peccato che si tratti, appunto di una rivoluzione tradita. E a tradirla sono stati proprio quei nuovi soggetti che, praticamente in regime di monopolio, non hanno fatto altro che sostituirsi agli editori e ai grandi gruppi di una volta, accaparrandosi tutte le potenzialità del settore, disinnescando la “minaccia rivoluzionaria”.

Qualche tempo addietro, in un video pubblicato da Claudio Messora su questo blog, avevo pubblicato qualche breve riflessione in merito (“Tutti i rischi di Google, Facebook e dei Social Network“) ed erano state sollevate obiezioni di carattere tecnico francamente molto ingenue, con una arroganza mascherata da finta ironia. Mentre il tema non ha carattere tecnico, ma antropologico e sociologico.  È una questione di importanza fondamentale e non consente nessuna ironia. Sempre che ne si capisca la portata nel tema generale dell’informazione e del suo controllo.

Google e Facebook, e gli altri motori di ricerca, sono in grado di manipolare le masse che li utilizzano? O meglio: i risultati che appaiono in pagina dopo aver digitato una richiesta sul motore di ricerca più utilizzato, e nel caso di Facebook gli articoli che compaiono quando vi accediamo, come sono scelti? Con quali criteri? E soprattutto: sono uguali per tutti oppure si differenziano da caso a caso?

Provo a dare una risposta in questo video (lo trovate in cima al post). E per chi vuole, ho pubblicato su Amazon “WEB e manipolazione delle MASSE: Come Social e Motori di ricerca alterano la percezione cognitiva“.

 

Guarda lo scorso video:

TUTTI I RISCHI DI GOOGLE, FACEBOOK E DEI SOCIAL NETWORK

from Byoblu.com ift.tt/2aAuS5f

Leave a Reply

Your email address will not be published.

The CAPTCHA cannot be displayed. This may be a configuration or server problem. You may not be able to continue. Please visit our status page for more information or to contact us.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.