L’UTERO È MIO E TROMBO QUANDO VOGLIO IO!

slide-uterodi Mario Cardinali

Che un fottìo di donne ‘un hanno preso troppo bene l’incitamenti della Lorenzin a fa’ figlioli s’è capito subito dalle prime reazioni, quando un gruppo di loro s’è presentato sotto le finestre della ministra della Salute a urlà “Fertilità, e la buona di tu’ ma’!”, “Renzi cià rotto ‘ ‘oglioni e Lorenzin ci rompe l’ovaie!”, “A noi se si resta ‘ncinta ci licenziano, lo sai?!”, “Poi ce li mantieni te, i figlioli!”, “Dacci i tu’ vaìni, vedrai si partorisce anche noi!”, “E l’asili ‘ndove sono, ‘n culo?!!” e dell’artre frasi parecchio pese, quarcuna arrivando perfino all’indiazioni partiolari, der tipo “La potta è mia, te penza alla tu’ fia!”, o con domande parecchio personali come “Io trombo ma i figlioli ‘un mi vengano, me la presti te la topa?”, fino a arrivà ‘n campo…

(Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola, oppure  acquistalo scaricando la App gratuita del Vernacoliere dall’App Store per iOS, o da Google Play per Android)

from Il Vernacoliere ift.tt/2dIopcX

Leave a Reply

Your email address will not be published.

The CAPTCHA cannot be displayed. This may be a configuration or server problem. You may not be able to continue. Please visit our status page for more information or to contact us.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.